Blog Post

Come pulire la cucina in legno

Come pulire le ante di legno della cucina

Il legno della cucina si impregna dei vapori e dei grassi del cibo che cuciniamo, inoltre i segni di mani e dita rimangono bene impressi. Come pulire gli sportelli della cucina in legno senza lasciare segni e aloni?

Ci sono due metodi efficaci, uno per la pulizia ordinaria e l’altro da effettuare saltuariamente per nutrire il legno, in modo che rimanga sempre brillante.

Vediamolo nel dettaglio.

Pulire le ante di legno per rimuovere lo sporco

Dopo anni di test, abbiamo trovato il perfetto mix di prodotti da utilizzare per pulire il legno senza danneggiarlo.

Procurati:

  • una bacinella
  • un panno in microfibra
  • detersivo per i piatti
  • aceto
  • sapone per le mani

Mescola in 1 litro di acqua 4 cucchiai di detersivo per piatti, 5 cucchiai d’aceto e 2 cucchiai di sapone per le mani. Immergi nella soluzione il panno in microfibra e strizzalo molto bene, in modo che non ci sia acqua in eccesso. Passa il panno sulla superficie delle ante con un movimento circolare, poi asciuga con un panno morbido.

Nutrire il legno e renderlo brillante

Procurati:

  • un detergente per il legno a base di olio

L’olio fa sì che il legno venga nutrito per mantenere a lungo il suo aspetto naturale, a cominciare dal colore e dalla sua morbidezza al tatto. In commercio ce ne sono diversi, non elemosinare sulla qualità perché la nostra cucina in legno deve durare a lungo senza perdere la sua bellezza.

Passa l’olio sulla superficie delle ante con un pennello. Lascialo agire per un’ora o due. Rimuovi l’olio in eccesso strofinando bene con un panno in lana. Per un risultato perfetto, è bene passare due panni di lana diversi, il primo ad un primo passaggio e il secondo per rimuovere l’olio ancora più profondamente. In questo modo facciamo sì che la cucina non rimanga troppo unta.

 

Pulire i mobili in legno della cucina

I piani in legno della cucina vanno puliti quotidianamente, perché li utilizziamo per preparare i pasti, appoggiare tazze sporche, verdure e uova, per versare il caffè macinato nella moka… per non parlare del tavolo, teatro di un vero surplus di attività, tra cui i giochi dei bambini.

Come lavare i mobili in legno in modo che mantengano il loro aspetto inalterato nonostante le sollecitazioni quotidiane?

Per la pulizia di routine utilizza una soluzione di acqua, aceto e detersivo per i piatti, più efficace di qualsiasi sgrassatore che puoi acquistare in supermercato. E sicuramente meno invasivo.

Il detersivo per i piatti ha un’azione sgrassante, mentre l’aceto è perfetto per disinfettare.

L’importante è che il panno che utilizzi per pulire il legno sia morbido, come la microfibra, e sia strizzato bene perché il legno non ama troppa umidità.

Per un risultato ottimale il panno va passato sulla superficie nel senso delle venature del legno. Se il legno è laccato, la cosa migliore è effettuare movimenti circolari.

In casi estremi di sporco e unto si può utilizzare il bicarbonato, diluito in un po’ d’acqua. Il bicarbonato va strofinato sulla superficie e sciacquato accuratamente